sabato 2 aprile 2016

お花見 2016年



In questo periodo di festa per noi, anche i giapponesi riposano per ripetere, come ogni anno, la millenaria pratica dell'花見 Hanami, ovvero la contemplazione dei fiori (di ciliegio), che affonda le radici nell'epoca Nara, quindi prima del 794 (d.C.). I riti sono tantissimi e non tutti conosciuti al di fuori del Giappone, ma le usanze ormai più largamente praticate e note anche a queste longitudini, sono in particolare quella di indossare il kimono e passeggiare sotto una pioggia di petali di fiori di ciliegio e quella di fare un picnic con amici o familiari all'ombra dei ciliegi in fiore.
I giapponesi attendono il periodo dell'Hanami per tutto l'anno e quando arriva, il Giappone diventa un tripudio di rosa e di sakura ovunque: ci sono i Kitkat gusto sakura, e un'infinità di altri snack e dolcetti, bevande al gusto sakura, profumi, accessori, gadget... veramente di tutto! (controllare la mia stanza per credere ^^')
Io, proprio un paio di sere fa, ho concluso la giornata del mio compleanno sorseggiando un 桜茶sakuracha, ovvero un tè di sakura, fatto semplicemente adagiando un fiore di ciliegio conservato sotto sale (proprio come i capperi e allo stesso modo ben sciacquato dal sale prima dell'uso) nel fondo di una tazza e versandovi sopra acqua calda, come per preparare un qualunque altro infuso. Il fiore si aprirà e dopo alcuni minuti il sakuracha sarà pronto da bere.


Quest'anno la piena fioritura dei ciliegi è prevista per il 2-3 aprile a Osaka e Kyoto e in questi giorni sia Tokyo, che Osaka e la mia Kyōto sono già avvolte da profumate ed eteree nuvole rosa, che hanno iniziato a formarsi il 23 marzo. Vi lascio qui alcune foto (molte fatte da miei amici, quindi vi chiedo di lasciarle qui dove sono, grazie^^). Sono tutte foto di Kyōto.








Mentre i giapponesi più impazienti consumeranno i loro bento all'ombra dei ciliegi in fiore, voi tutti starete gustando uova di cioccolato e colomba; per motivi e tradizioni diverse, ci troveremo comunque tutti accomunati dal festeggiare il ritorno della bella stagione, dei fiori, della vitalità della natura.
Buona Pasqua da Kyōtosub!

Nessun commento:

Posta un commento